Il fattore che mette in moto …

Insegnante: Allora, quale pensi sia il fattore che mette in moto il percorso evolutivo di una persona verso la Totalità e l’unità?

Studente: Intendi dire, se potessi riunirli in un singolo concetto nonostante – da quanto mi hai appena mostrato – non possa essere fatto?

Insegnante: Stai imparando benissimo.

Studente: Sarebbe aver fiducia in me stesso.

Insegnante: Quale parte di te?

Studente: L’anima.

Insegnante: E non il veicolo?

Studente: Va bene, dovrei aver fiducia nel mio intero essere.

Insegnante: Abbi fiducia nelle parti e nell’intero. Abbi fiducia nella connessione di queste alla Sorgente Primaria. Abbi fiducia nel Frammento-Dio che orchestra tutta questa complessità in un’esperienza coerente che assicura il ricordo della tua divinità. Abbi fiducia nel processo evolutivo definito dalla Sorgente Primaria. Abbi fiducia in tutto questo al di là delle voci esterne che incontri, non importa quanto possano sembrarti infallibili. Abbi fiducia nella tua capacità di conoscere da te stesso e nella capacità che hai di guidarti nella spirale ascendente del tuo viaggio.

Discorso del Lyricus n. 2 (Richiamare il NdT) –– https://www.wingmakers.com/content/resources/ –– James Mahu Visual Art © 1998-2020 WingMakers LLC

Ho appena spiegato che il cuore e il cervello …

Insegnante – Ho appena spiegato che il cuore e il cervello sono un sistema integrato progettato per attivare, penetrare ed esprimere le alte frequenze di compassione e comprensione, e che il cervello ha il ruolo di valutare l’autenticità emozionale del cuore. Questa abilità, intelligenza o intuizione – chiamala come vuoi – è assoluta e innata in tutte le forme di vita superiore. Nessuno può utilizzare le tecniche dell’intelligenza intuitiva se il suo cuore trasferisce al cervello dati provenienti dalle distorsioni emozionali comuni agli ambienti tri-dimensionali.

–– Discorso del Lyricus n. 6 (Tecniche dell’Intelligenza Intuitiva) –– https://www.wingmakers.com/content/resources/ –– James Mahu Visual Art © 1998-2020 WingMakers LLC

Qual è la definizione di “anima” ? (da Lyricus, FAQ1 – D/r. 5) — Stringhe d’Eventi

Citazione

Inserimento

DOMANDA 5 – Qual è la definizione di anima?

L’anima è letteralmente un Frammento-Dio composto da una gerarchia di capacità e funzionalità che le permettono di essere simultaneamente sia individualizzata che totalità. Quando entra nel veicolo dell’anima – in prossimità o alla nascita del corpo fisico – comincia a formare una matrice di interazioni con […]

via Qual è la definizione di “anima” ?(da Lyricus, FAQ1 – D/r. 5) — Stringhe d’Eventi

La Zona d’Interfaccia è il punto d’accesso …

Insegnante – La Zona d’Interfaccia è il punto d’accesso per attivare la coscienza di gruppo dell’umanità. Se l’umanità riesce a operare come una coscienza collettiva mentre i suoi membri restano ancorati nella pienezza della loro individualità, l’umanità sarà capace di riequilibrare la Terra e di operare come co-creatore di una nuova Terra con effetti che si estenderanno a livelli galattici.

Studente – E come accade tutto questo?

Insegnante – La Zona d’Interfaccia è una componente importante della scoperta del Gran Portale e sarà conosciuta come elemento di connessione della specie umana che ne unifica la mente genetica e, in questa unificazione, dà via libera al suo potere e capacità di creare soluzioni alle sfide naturali della vita planetaria.

Studente – E che cosa ha a che fare questo a livello di individuo, come me?

Insegnante – Scegliendo coscientemente di accedere alla Zona d’Interfaccia, si attinge alla mente genetica con maggiore chiarezza. Da ciò conseguono dei processi di pensiero più vivaci e a una più profonda intuizione. Migliorano anche le percezioni extra-sensoriali che permettono la guarigione a distanza e la comunicazione a distanza.

–– Discorso del Lyricus n. 5 (La Zona d’Interfaccia) –– https://www.wingmakers.com/content/resources/ –– James Mahu Visual Art © 1998-2020 WingMakers LLC

La specie, nella definizione del Lyricus…

La specie, nella definizione del Lyricus, è l’integralità del veicolo dell’anima. La coscienza individualizzata non è una specie, è un Frammento-Dio che opera all’interno di un apparato di individualità che è, nel vero senso, un meta-veicolo dell’anima.

La specie evolve; l’anima fa esperienza. La specie scopre di essere un veicolo dell’anima; l’anima scopre di essere trascendente a tutte le cose di tempo, materia e spazio. La specie nasce da un modello archetipale; l’anima nasce dalla Sorgente Primaria. La specie fa parte di una vasta fratellanza di varietà; l’anima è un singolo oceano di coscienza. La specie rende possibile l’esplorazione e l’espansione del Superuniverso; l’anima rende possibile esplorazione ed espansione alla Sorgente Primaria.

–– Lyricus FAQ1, D/R. 4 –– https://www.wingmakers.com/websites/ –– James Mahu Visual Art © 1998-2020 WingMakers LLC

Il cuore è l’accesso al multiverso…

Insegnante – Il cuore è l’accesso al multiverso perché è capace di decodificare le frequenze emozionali provenienti dai livelli più alti del multiverso ed esprimerle negli ambienti tri-dimensionali attraverso lo strumento umano.

Studente – Pensavo che fosse il cervello ad essere l’organo supremo dello strumento umano. Il chakra della corona, il terzo occhio… non sono associati con il cervello e la mente superiore? Non sono loro ad essere connessi più intimamente con la vibrazione della Sorgente Primaria rispetto al cuore?

Insegnante – All’interno dello strumento umano è il cuore che opera alla più alta frequenza. Le emozioni sono ancor più veloci della velocità del pensiero. Operano fuori dallo spazio-tempo quando sono in risonanza con i circuiti superiori del multiverso.

Studente – Se è il cuore ad operare alla frequenza più elevata, allora le emozioni sono i catalizzatori che ci risvegliano al nostro vero sé?

Insegnante – Sì, questo è il motivo per cui le esperienze spirituali più profonde sono tessute dalla trama delle emozioni del cuore piuttosto che dai pensieri della mente.

–– Discorso del Lyricus n. 6, Tecniche dell’Intelligenza Intuitiva –– https://www.wingmakers.com/content/resources/ –– James Mahu Visual Art © 1998-2020 WingMakers LLC

I veicoli dell’anima non sono …

I veicoli dell’anima non sono strumenti di percezione infallibili. Essi offrono una visione parziale nei mondi vibratorii della dimensione fisica e una visione soggettiva di tutte le altre dimensioni della coscienza. L’anima non viene spinta intenzionalmente nella limitazione, ma le limitazioni sono, di fatto, le condizioni naturali prodotte dalla densità vibratoria di un ambiente planetario. Queste limitazioni delle capacità, unite alla raffinatezza del modello del veicolo dell’anima, possono produrre una consistente attenuazione dell’influenza dell’anima, ed è proprio questa attenuazione a causare la condizione di minore armonia della specie e a far sì che i suoi sforzi non supportino, per lo più, i suoi obiettivi spirituali come specie.

–– Lyricus FAQ1, D/R. 3 –– https://www.wingmakers.com/websites/ –– James Mahu Visual Art © 1998-2019 WingMakers LLC