La mente cerca delle cause…

Mark – Molti sentieri hanno la mente come elemento chiave di ricerca spirituale… e tu parli dell’ego, che è un aspetto della mente. È per questo che il sentiero lungo è difficile… per via della mente che detta legge?

James – La mente cerca delle cause. È un calcolatore di causa ed effetto in molti modi. L’ego cerca l’associazione a delle cause come il cambiamento climatico, i partiti politici, la religione o la cultura, il controllo degli armamenti o la tutela del lavoro, ecc. La lista è lunghissima. Quasi tutto è un’attività collegata a una causa, e la mente ama far parte di qualcosa che ha un programma con cui si trova d’accordo o è in risonanza. Dà anche un senso di comunità… la causa in sé.

–– Intervista a James di M. Hempel, aprile 2013  –https://www.wingmakers.com/content/creator/ –– James Mahu Visual Art © 1998-2020 WingMakers LLC [Mappa degli Stressor, da EVT3, Il Tempio dell’Attivismo Spirituale]

Ho conosciuto una persona …

Ho conosciuto una persona perseguitata dal suo passato… da un’esperienza negativa vissuta. Una cosa che non riusciva a perdonare. Le dissi che il perdono era la chiave, ma doveva essere senza condizioni. Rispose che la cosa era impossibile. Voleva che la persona ammettesse il suo errore e chiedesse scusa. Le risposi che avrebbe potuto aspettare a lungo; se avesse perdonato senza condizioni non doveva aspettare.

Mi guardò e disse che solo Gesù poteva perdonare incondizionatamente, non le persone normali come lei. Quello era il suo punto di vista, cioè che esprimere le virtù del cuore incondizionatamente fosse riservato a quelli come Gesù, che non è da tutti. Tutti possono farlo, tutti possono non farlo. Non c’è un sistema o modalità di “riservato a…”. È una scelta. È una partnership con l’Universo. È riconoscere il valore di seguire se stessi anziché un altro. È essere attivi invece che passivi.

–– Intervista a James di M. Hempel, aprile 2013  –https://www.wingmakers.com/content/creator/ –– James Mahu Visual Art © 1998-2020 WingMakers LLC

I WingMakers non sono …

I WingMakers non sono guide, angeli, maestri ascesi o dèi che esistono nelle dimensioni del Sistema Mente Umana. Essi vivono nei campi interdimensionali della mente superiore, e come saggi anziani della famiglia umana offrono il paradigma della Sovranità Integrale e del Gran Portale. Si focalizzano solo su questi due paradigmi perché da questi viene il Primo Punto che permette all’individuo di dissolvere i programmi che gli nascondono l’uno, l’eguale e il sincero.

I WingMakers hanno coniato il termine Sovranità Integrale per codificare il significato che ciò che esiste nei sentieri del proprio respiro è più di un corpo fisico composto da un circuito di sentimenti e pensieri.

–– Intervista a James del Project Camelot, novembre 2008 –– www.wingmakers.com/content/resources/ –– James Mahu Visual art © 1998-2020 WingMakers LLC

I “maestri” abbondano sulla scena …

I “maestri” abbondano sulla scena umana. Alcuni sono eccellenti insegnanti ma pochi, pochissimi, insegnano come passare dalla realtà dominante della mente-umana a quella dell’anima-umana. E sono anche meno a insegnare come migrare alla consapevolezza e alla funzionalità dello stato di Sovranità Integrale. Posso dirvi una cosa, non fidatevi dei proclami di nessuno, piuttosto esaminate in profondità i frutti del supposto maestro e valutate come vi rafforzino ad essere voi stessi il vostro maestro auto-sufficiente. Se riuscite a scoprirlo, allora avete trovato un maestro degno del vostro tempo e della vostra energia.

–– Creator, Sessione 1 D/R n. 5 –– Dal sito WingMakers.com/sezione Creator ante 2014 –– James Mahu Visual Art © 1998-2020 WingMakers LLC

Quando uno vive una vita centrata sull’amore…

Quando uno vive una vita centrata sull’amore, praticando le sei virtù del cuore al meglio delle sue capacità nei più piccoli angoli e anfratti della sua vita, dispiega intorno a sé un’antenna. Questa antenna è eterica. In altre parole, esiste in uno stato energetico che i nostri occhi e le nostre orecchie non individuano. È progettata come un apparecchio finemente sintonizzato che riceve e trasmette le radiazioni delle frequenze superiori provenienti dalla Sorgente Primaria.

Questa antenna circonda il nostro strumento umano, occupando lo stesso spazio del nostro corpo, e proprio perché è composta da frequenze di luce di natura superiore non è confinata alla realtà e alle limitazioni della terza dimensione come, per esempio, il nostro corpo fisico.

Quando i nostri cuori sono sereni, amorevoli e comprensivi, in uno stato di apprezzamento e di fiducia, l’antenna eterica diventa… diventa ricettiva come un fiore che apre i suoi petali al sole. Se il nostro cuore è ansioso, preoccupato, arrabbiato o in tumulto, questa stessa antenna, come una pianta che chiude i suoi petali al tramonto, entra in disordine e la sua delicatissima connessione con le radiazioni di frequenza superiore della Sorgente Primaria viene interrotta o attenuata.

Estratto completo: https://stringhedeventi.com/2018/12/03/lantenna-eterica-dallintervista-a-james-aprile-2008/

–– Intervista a James Mahu di M. Hempel, aprile 2008 –– https://www.wingmakers.com/content/creator/ –– James Mahu Visual Art © 1998-2020 WingMakers LLC

La Sovranità Integrale è fuori dalla prigione…

La Sovranità Integrale è fuori dalla prigione, eppure – data la sua natura infinita – include la prigione. Quale elemento che racchiude il corpo umano vi è vicino quanto il respiro che circola nel vostro strumento umano, pur restando nel suo stato quantico di vuotezza e silenzio.

Capisco che la descrizione di vuotezza possa sembrare insoddisfacente e, per qualcuno, un po’ spaventosa, ma la vuotezza di cui parlo è semplicemente l’assenza dell’illusione – degli inganni e delle separazioni del Sistema Mente Umana.

–– Intervista a James del Project Camelot, novembre 2008 –– www.wingmakers.com/content/resources/ –– James Mahu Visual art © 1998-2020 WingMakers LLC

Tutti hanno vissuto l’esperienza…

Tutti hanno vissuto l’esperienza di aver ricevuto del male da qualcuno. Una relazione s’infiamma, e la rabbia o la frustrazione s’impadroniscono della persona. Quando ciò avviene si è in un preciso spaziotempo. Non si può perdonare quella persona in quello spaziotempo. È quasi impossibile. Ma dopo un’ora, o un giorno, si è in un diverso spaziotempo e il perdono è allora possibile. Puoi forse dire che il ricordo si è affievolito, e che per tal motivo è possibile il perdono. O forse che è stato possibile perché la persona si è scusata; c’è del vero in questo, ma in realtà è stato il cambiamento di spaziotempo a renderlo possibile, come le nuove energie che penetrano in noi.

Ripeto, nulla è statico. Quelli che non perdonano mai, chiudono… o… o ancorano se stessi nello spaziotempo di un evento, lì… nella loro mente. Hanno perso la capacità di muoversi con l’astronave Terra; di vedere come lo spaziotempo sia fluido, come le energie del cosmo danzino con ciascuno di noi, come noi cambiamo in continuazione..

–– Intervista a James di M. Hempel, aprile 2013  –https://www.wingmakers.com/content/creator/ –– James Mahu Visual Art © 1998-2020 WingMakers LLC [Immagine: Passaggi Segreti, sito WM ante 2014]